Tomas Alfredson sull'eredità di Tinker Tailor Soldier Spy e sul futuro di The Smiley Saga

Tomas Alfredson sull'eredità di Tinker Tailor Soldier Spy e sul futuro di The Smiley Saga

Che Film Vedere?
 

Questo concorso è ora chiuso





Di: Sabastian Astley



L'adattamento cinematografico di Tomas Alfredson di Tinker Tailor Soldier Spy è iconico. Dal suo cast costellato di stelle, tra cui Gary Oldman, Colin Firth e gli allora esordienti Tom Hardy e Benedict Cumberbatch, è ampiamente considerato come uno dei più grandi film britannici contemporanei.

Quando Tinker Tailor è stato rilasciato per la prima volta nel 2011, il regista Alfredson ha evitato di discutere l'eredità del libro; ora con 10 anni di distanza, è in grado di articolare i suoi sentimenti sull'eredità del suo adattamento di John le Carré in modo eloquente. I ricordi del lavoro su di esso sono un po' confusi, ma lo ricordo come un compito enorme, racconta. Ci è voluto un po' di tempo per arrivarci e un sacco di duro lavoro, ma è stato ripagato. È stata una produzione molto felice, soprattutto quando l'abbiamo pianificata e abbiamo creato lo stile e l'approccio dell'intera cosa. Alfredson è pronto a lodare gli sforzi di tutte le persone coinvolte per ciò che lo ha reso davvero speciale: le stelle si sono davvero allineate nel posto giusto quando abbiamo messo insieme l'intero gruppo che ha creato Tinker Tailor.

lo spettacolo in ritardo con lo streaming di james corden

Con la sfida di riflettere il caratteristico periodo della Guerra Fredda con un budget di soli 21 milioni di dollari, Alfredson menziona come praticità ed efficienza fossero le sue due armi: l'abbiamo girato in una vecchia caserma militare chiamata Mill Hill - era un posto grande con 60 o 80 diversi case di molte epoche, quindi la maggior parte del film è stata girata lì. Se hai a disposizione un luogo storico intrappolato nel tempo, perché? non approfittarne? Era l'unico modo per farlo, perché ci sono così tante location diverse nel film: è stata un'ottima soluzione.



Entriamo nel tema della paranoia, un tema prevalente in tutte le opere di Alfredson, e mi chiedo se sia qualcosa che lo ha sempre spinto, o forse lo ha preoccupato. Si prende un momento per raccogliere i suoi pensieri e apre una conversazione sulla propria autoconsapevolezza: è un po' difficile conoscere te stesso come regista, cosa parlano dei tuoi film al pubblico e a cosa la gente reagirebbe perché in qualche modo riflette la propria personalità . Per me è impossibile, direi, sapere e vedere queste cose da solo.

È un punto affascinante di Alfredson, che forse il suo pubblico potrebbe conoscerlo meglio di lui, in qualche modo. È anche ciò che lo spinge come regista: è l'unico modo in cui potrei esprimermi adeguatamente. È difficile per me esprimere i miei punti, ed è difficile descrivere come mi sento e come vedo le cose. Quindi i miei film diventano un po' un'autobiografia cinematografica in qualche modo. È un commento interessante sulla relazione tra pubblico e regista che mi fa pensare che il cinema sia una confessione intrinsecamente onesta, che ti piaccia o no. Se vedi queste cose, questi temi, potrebbe essere qualcosa che riflette la mia psiche in qualche modo. Non potevo discuterne.

Do a Tomas la mia personale opinione su Tinker Tailor, dicendogli che lo definirei un 'film onesto' sopra ogni altra cosa. Gli chiedo cosa ne pensa di quell'interpretazione, e lui mi spiega cosa ha portato alla sua interpretazione sovversiva: quando sei giovane e sei nuovo nello [spionaggio], è un mondo fantastico portare segreti e sapere cose che gli altri non sanno , per essere in missioni segrete, giocare e parti. Ma penso che con il passare degli anni ti senti molto solo con questi segreti che creano grandi buchi dentro di te. E ho pensato, sai, la telecamera può immergersi in quella solitudine.



loki vedova nera

Per gestire le tue preferenze email, clicca qui.

Uno dei principali obiettivi formali di Tinker Tailor è ciò che è nascosto e rivelato nelle espressioni, spesso attraverso il silenzio assordante degli sguardi, degli sguardi condivisi e degli sguardi freddi e duri. Che aspetto hanno quando sono davanti allo specchio del bagno o quando stanno per andare a letto: cosa provano in quei momenti? La telecamera ha quella possibilità esclusiva di svelare queste espressioni tipicamente nascoste. Alfredson elabora il paradosso di Tinker Tailor, che il suo mondo profondamente disonesto riguarda l'onestà, o almeno cerca di mostrare in modo onesto quanto fosse disonesto. Il prezzo che [le spie] hanno dovuto pagare deve essere stato molto, molto costoso.

Questa attenzione alle espressioni e alle emozioni è ciò che guida il mio fascino per Alfredson come regista. Descrivo Tomas a se stesso come un regista emotivo, e sembra essere d'accordo. Il suo malinteso comune è quello di un 'regista dell'orrore', ed è comprensibile come alcuni possano concludere che: Let The Right One In, Tinker Tailor Soldier Spy, The Snowman hanno tutti un filo di orrore interiorizzato che li collega indissolubilmente all'umanità. Chiedo a Tomas se pensa che l'umanità abbia una natura orribile intrinseca, menzionando che mi rendo conto che è una grande domanda da porre. Ammette di non essere sicuro, ma confessa lui stesso una forte connessione con cose orribili: specialmente nei miei sogni e di notte. È una parte importante dell'essere umano immaginare. Parliamo sempre dell'immaginazione come di qualcosa di fantastico, ma l'immaginazione è anche qualcosa di orribile e può portarti in posti davvero brutti.

Il lato più oscuro dell'immaginazione è certamente esplorato nel lavoro di Alfredson, sovvertendo il cavaliere globale simile a James Bond con la paranoia umida e strisciante di George Smiley. Suppongo che la paranoia sia parte integrante di quel veicolo dentro di te: la tua capacità di far supporre le cose e di averne paura.

Dopo Tinker Tailor, Tomas ha espresso interesse per un sequel di Smiley's People, e con Gary Oldman che ha osservato nel 2016 l'esistenza di una sceneggiatura del sequel, chiedo informazioni sulla conoscenza di Tomas sull'argomento e sui suoi sentimenti nel continuare nonostante i cambiamenti come la scomparsa di Le Carré l'anno scorso. Sentivo che non potevo fare un altro film di Smiley subito dopo il primo, non mi sarebbe sembrato giusto. Ero troppo esausto e sfinito su questo particolare argomento in quel momento. Ero ancora molto aperto a farlo! Continua spiegando che i diritti alla fine sono tornati alla proprietà di Le Carré e rivela i piani per un grande riavvio in futuro: Penso che stiano pianificando di fare una sorta di grande rilancio su The Smiley Saga per la televisione, ma io non ne sono coinvolto.

StudioCanal

Considerando i recenti adattamenti televisivi di The Night Manager e The Little Drummer Girl, non sono un critico cinematografico, ma sono anche fantastici. Hanno dei registi molto forti dietro quei film – gli chiedo se vorrebbe essere coinvolto: avrebbero bisogno di rifare Tinker Tailor di nuovo come parte di questo, e forse è meglio che lo faccia qualcun altro. Sarei interessato a Smiley's People – sarebbe anche una grande cosa per Gary, dal momento che ora ha 10 anni in più. Ma penso che continuare su quella strada sia passato per alcuni a causa dei piani per un riavvio della TV. Hanno piani diversi per George Smiley.

calendario aperto di francia

L'atmosfera che ottengo da Alfredson è che è una persona e un regista straordinariamente onesto, e viene spesso citato per descrivere il cinema come qualcosa di intrinsecamente emotivo, non importa quanto intellettuale cerchi di avvicinarti al materiale. L'emozione domina sempre. Non è estraneo all'essere sopraffatto emotivamente, avendo ammesso di sentirsi leggermente paralizzato dal successo di Let The Right One In. Quello di cui ero più curioso – e di cui Alfredson ha parlato poco a nessuno – è The Snowman, il suo diffamato thriller poliziesco del 2017 adattato dal lavoro di Jo Nesbo. Come ha elaborato quello che è successo con The Snowman? La ricaduta lo ha un po' buttato?

Lo ha fatto davvero. Voglio dire, volevo prendere il mio nome da quel film. Ero in una situazione in cui le aspettative degli studios erano diverse da quello che stavo cercando di offrire, volevo creare un film che fosse diverso. I critici sono stati pronti a liquidare le affermazioni iniziali di Alfredson come 'scuse', ma se guardi al suo lavoro precedente, è chiaro che a The Snowman manca stranamente quella differenza sovversiva che Alfredson porta ai suoi progetti. Penso che lo studio volesse un film più convenzionale nel complesso, e quindi non ci siamo capiti. Senti tutte quelle storie sull'essere stato schiacciato nel sistema di Hollywood, tutto questo mi è successo in The Snowman. Non è stata un'esperienza felice. Non è un segreto che The Snowman fosse un progetto a lungo languido prima che Alfredson entrasse a far parte del progetto, e tutto troppo all'improvviso è stato avviato subito all'azione e il secondo finanziamento è stato acquisito.

Non era il mio film quello che è uscito. È stato molto doloroso doverlo presentare con il mio nome sopra, quando non era affatto il mio film. Ma è così che può essere questo settore, lo capisco. Ma avrei preferito non fare The Snowman. Alfredson si è preso il suo tempo una volta che Tinker Tailor ha terminato la produzione, montando per sei mesi per assicurarsi che tutto fosse perfetto. È chiaramente un regista che capisce che un approccio lento e attento al cinema può creare qualcosa di veramente straordinario. Penso che [The Snowman] avrebbe potuto essere un film fantastico se mi fosse stata data la fiducia di farlo a modo mio, avrebbe potuto essere qualcosa di veramente diverso. Ci sono pezzi assolutamente fantastici, momenti e opportunità, ma semplicemente non ha funzionato. È stato molto doloroso.

StudioCanal

Questa mentalità a cottura lenta è quella che Alfredson ha sempre coltivato, lavorando su un progetto alla volta fino a quando non è completamente completato, per poi passare a quello successivo. Faccio notare che ha due progetti in sviluppo in questo momento, la serie TV Europa e il thriller diretto da Rachel Weisz Séance on a Wet Afternoon, e chiedo se la sua mentalità è cambiata. Lui ride. Sai, è molto difficile che la tua piccola compagnia di uomini abbia un flusso uniforme di progetti da realizzare: devi avere da tre a quattro progetti in fase di sviluppo perché ci sono sempre quei film che non vengono mai realizzati. Commenta che i progetti che non ha mai finito per sviluppare superano di gran lunga quelli che ha completamente creato e completato.

La sua ammissione mi porta a chiedermi quanti progetti Alfredson abbia tentato di portare a compimento e se il suo coinvolgimento con il sistema degli studi di Hollywood gli abbia creato particolari difficoltà - in ogni caso, sono incredibilmente eccitato che sia tornato al lavoro e fiducioso che qualunque cosa farà dopo sarà qualcosa di imperdibile.

perchè gli uomini hanno i capezzoli

Maggiori informazioni sulle caratteristiche di RT Rewind:

  • Ieri sera ho visto il tuo Bottom in TV: Legacy of Rik Mayall e la commedia rivoluzionaria di Ade Edmondson
  • Peter Baynham sulla realizzazione di I'm Alan Partridge: 'È come costruire un aereo mentre sta precipitando sulla Terra'
  • Come The Office ha cambiato il volto delle sitcom
  • 10 anni di Death in Paradise: la storia del dramma criminale caraibico preferito da tutti

Tinker Tailor Soldier Spy è ora disponibile in digitale e poi disponibile per il possesso in 4K su UHD per la prima volta dal 20 dicembre: visita il nostro hub Film per ulteriori notizie e funzionalità o trova qualcosa da guardare con la nostra Guida TV .