Rivelazione dei Dalek ★★★★

Rivelazione dei Dalek ★★★★

Che Film Vedere?
 

DJ Alexei Sayle trasmette ai morti in questo raccapricciante viaggio da brivido del 1985. Inoltre Michael Grade risponde ai lettori di RT...





Stagione 22 – Storia 142



Ora ascoltate, ragazzi. Non voglio allarmarti, ma ci sono alcune cose piuttosto strane che accadono qui fuori - DJ

Trama
Il Dottore e Peri arrivano su Necros dove i ricchi morti o quasi morti vengono conservati criogenicamente in un istituto perpetuo presso la struttura high-tech Tranquil Repose. I clienti vengono tenuti al corrente degli eventi nel mondo esterno da un bizzarro DJ. Il capo imbalsamatore Mr Jobel sta preparando il cadavere della moglie del presidente, mentre respinge le avances del suo studente, Tasambeker. In verità, Davros gestisce Tranquil Repose sotto le spoglie del Grande Guaritore. Ha alleviato una carestia galattica, ma solo trasformando i cadaveri in una proteina commestibile. Li sta anche usando come materia prima per una nuova razza di Dalek. Il suo alleato manifatturiero, Kara, assume segretamente gli assassini Orcini e Bostock per uccidere Davros, ma li supera tutti in astuzia. Ha teso una trappola per il Signore del Tempo, ma una forza di Dalek arriva da Skaro per mettere sotto processo il loro creatore...

Prime trasmissioni
Parte 1 - Sabato 23 marzo 1985
Parte 2 - Sabato 30 marzo 1985



iphone 12 colori disponibili

Produzione
Luogo delle riprese: gennaio 1985 nell'Hampshire presso la sede centrale di IBM UK, Cosham; Bolinge Hill Farm, Buritone; Butser Hill, Queen Elizabeth Country Park, Horndean. Nel West Sussex a Goodwood Estate e Tangmere Aerodrome.
Registrazione in studio: gennaio 1985 in TC1 e gennaio/febbraio 1985 in TC8

Lancio
Il Dottore - Colin Baker
Peri - Nicola Bryant
Kara - Eleanor Bron
Jobel - Clive Swift
DJ - Alexei Sayle
Davros-Terry Molloy
Tasambeker - Jenny Tomasin
Orcini-William Gaunt
Bostock-John Ogwen
Grigorij - Stephen Flynn
Natasha - Bridget Lynch Sheer
Takis - Trevor Cooper
Lilt - Colin Spaull
Vogel-Hugh Walters
Capo di Stengos - Alec Linstead
Mutante - Ken Barker
Voce sintetizzata - Penelope Lee
Voci di Dalek: Royce Mills, Roy Skelton
Operatore Dalek - John Scott Martin, Cy Town, Tony Starr, Toby Byrne

Equipaggio
Scrittore - Eric Saward
Progettista - Alan Spalding
Musica di scena - Roger Limb
Editor di sceneggiature - Eric Saward
Produttore - John Nathan-Turner
Direttore - Graeme Harper



RT Recensione di Patrick Mulkern
Graeme Harper è estenuante, mi disse il produttore John Nathan-Turner nel 1985. È faticoso, è stimolante, perché è avido. Tutti i buoni registi sono avidi. Mi piacerebbe lavorare regolarmente con Graeme. Come si è scoperto, JN-T non lo ha più ingaggiato, anche se Harper ha fatto uno spettacolare ritorno due decenni dopo in Doctor Who di Russell T Davies (Rise of the Cybermen, Doomsday, Turn Left, The Stolen Earth, The Waters of Mars...)

pozzo da giardino fai da te

È tra i migliori registi che la serie abbia mai avuto. Nel 1984 ha pompato energia in The Caves of Androzani e ora dà vita a Revelation of the Daleks - che è una strana affermazione da fare, dato che una cappa di morte incombe sulla storia.

Nella primavera del 1985, con il Grim Reaper Michael Grade alle spalle, i segnali indicavano che Doctor Who stava per morire a 22 anni, un'età venerabile per qualsiasi programma televisivo. Ma prima che la campana a morto iniziasse a suonare, una delle migliori storie degli anni '80 era già in scatola. Ora sembra preveggente che Eric Saward abbia scritto un film in due parti così ossessionato dalla morte.

custodia kindle paperwhite

Il pianeta si chiama Necros. Il suo compito è la morte, o il ripristino perpetuo per coloro che possono permetterselo nella scintillante struttura di Tranquil Repose. Quasi tutti i personaggi che ci vengono presentati finiscono per morire. Anche il Dottore si trova di fronte a una lapide monolitica con la sua faccia scolpita: sono arrivato nel mio futuro e sono morto.

Con il doppio linguaggio orwelliano Davros è stato soprannominato il Grande Guaritore, ma in verità sta approfittando della morte. Sta usando i morti e i quasi morti nei suoi esperimenti genetici, creando nuovi Dalek, e ha scoperto che la forma umanoide produce un'eccellente proteina concentrata. Quando il Dottore chiede come potrebbero sentirsi gli affamati se si rendessero conto che stavano mangiando i propri parenti, Davros scherza dicendo che potrebbe creare quella che credo sia definita 'resistenza dei consumatori'.

A parte alcuni problemi strutturali (mantenendo il Dottore e Peri periferici rispetto all'azione), questa è la sceneggiatura più riuscita di Saward. A volte sembra incanalare il suo eroe della scrittura Robert Holmes. Ci sono dialoghi comici da morire e doppi atti per tutti i gusti: la severa imprenditrice Kara (la splendida Eleanor Bron) e la sua graziosa segretaria Vogel; il dignitoso assassino Orcini (il cupo William Gaunt) e il suo sporco scudiero Bostock; i sarcastici tombaroli Natasha e Grigory; e i becchini Takis e Lilt, che dovrebbero assomigliare a Laurel e Hardy (quello non lo compro proprio).

Le creazioni più vivide di Saward sono il capo imbalsamatore Mr Jobel e il suo studente del terzo anno Tasambeker. Un vanitoso egocentrico, che controlla costantemente il suo parrucchino allo specchio, Jobel è magnificamente interpretato da Clive Swift, che qui ottiene materiale migliore rispetto a quello che ha fatto in sei anni della sitcom degli anni '90 Keeping Up Appearances.

Di un cadavere: Ha già cominciato a schiumare. Grazie al cielo, la bara è rivestita di piombo. A Peri: Quelle labbra rosso rubino rosate erano fatte per essere baciate. A un assistente: ti stuzzichi il naso? Jobel è incredibilmente crudele con Tasambeker. Pensi davvero che potrei essere interessato a te? Ho la scelta delle donne. Preferirei scappare con mia madre piuttosto che possedere un piccolo verme servile come te.

Jenny Tomasin, famosa come Ruby, la sguattera/cameriera di Upstairs Downstairs, è visibilmente fuori dal suo ruolo di Tasambeker, ma in un modo particolare funziona. Credi che sia questa sciatta, goffa, vendicativa becchini colpita dall'odioso Jobel e influenzata da Davros. Le dice: Hai un piacevole personalità. La sta imburrando o è il tipo di donna per cui Davros va davvero? Un po' di entrambi, sospetto.

Terry Molloy ottiene una prestazione misurata di Davros, che ha molto più da fare qui del solito sproloquio. Trappola, manipola e spesso parla sottovoce. Non si può sfuggire al fatto, tuttavia, che assomiglia sempre di più a Maisie Trollette, l'antica drag queen di Brighton che JN-T era solita indossare nei suoi pantos.

serietvsubita poldark

I Dalek sono pochi, ma almeno c'è uno sforzo per presentarli in modo diverso, e non solo nella loro nuova livrea color crema e oro. Un effetto pasticciato mostra un Dalek in modalità hover, qualcosa che avevano fatto nei fumetti dagli anni '60. E vediamo un Dalek di vetro, qualcosa postulato per la prima volta in un romanzo di David Whitaker nel lontano 1964. È effettivamente realizzato, anche se in perspex.

Il quoziente horror raggiunge il massimo storico. Un orribile uomo mutante, uno degli esperimenti di Davros, sembra che sia stato bollito in uno stufato, ha i denti sciolti ed emette urla agghiaccianti mentre attacca il Dottore e Peri nella neve. Più tardi, la mano di Davros viene colpita da Bostock e vediamo le sue dita sparse sul pavimento, sangue verde che cola dal moncherino. Ricordate questi episodi in onda alle 17:20!

La cosa più orribile di tutte, la testa di Stengos viene scoperta da sua figlia avvolta da escrescenze mutanti all'interno del Dalek di vetro. I suoi occhi si aprono di scatto e gorgoglia, Na-ta-sha! Comincia a inveire con la voce di Dalek, poi supplica: 'Se mi hai mai amato, Natasha, uccidimi'. Uccidimi! Forse sono i denti innestati su una placca di metallo nella sua bocca, ma la testa di Stengos è, per me, l'immagine più inquietante e disgustosa mai presentata in Doctor Who. Non sopporto di guardarlo.

Un'aggiunta tardiva alla sceneggiatura di Saward - e un successo inaspettato - è il DJ, che fornisce un commento continuo agli eventi e spezza l'oscurità con un tocco leggero. Il programma è spesso accusato di casting acrobatico, ma il più delle volte ripaga e non riesco a immaginare nessuno migliore di Alexei Sayle in questa parte. È bizzarro, divertente e, semplicemente, geniale.

Rivelazione è l'unica volta che ricordo di aver ricevuto un souvenir dal set. Subito dopo che Alexei Sayle aveva fatto saltare in aria alcuni Dalek (in esplosioni BBC controllate in sicurezza – pffffft! pffffft!), i detriti delle loro cime giacevano sparsi sul pavimento. Uno dei ragazzi fx mi ha chiesto se volevo un gambo oculare di Dalek, ma la mia gioia si è trasformata in sgomento. Era così fragile (una bacchetta di legno di balsa con una pallina di polistirene nera per l'occhio e un'etichetta adesiva per l'iride). Nessuno avrebbe mai creduto che si trattasse di un autentico oggetto di scena di Doctor Who e non di un patetico sforzo da parte dei fan. Dopo qualche mese l'ho buttato via. Vorrei ora averlo tenuto.

Materiale d'archivio di Radio Times

matthew goode abbazia di downton

Fatturazione RT

RT mailbag (23 marzo 1985) sul rinvio di Doctor Who, con una risposta di Michael Grade agli entusiasti isterici.

[Disponibile su BBC DVD]