Joan Bakewell racconta la sua versione della storia della sua relazione con Harold Pinter

Joan Bakewell racconta la sua versione della storia della sua relazione con Harold Pinter

Che Film Vedere?
 


Quando Joan Bakewell ha intrapreso una relazione di otto anni con il drammaturgo Harold Pinter negli anni '60, non ha mai sospettato che ne avrebbe fatto uno spettacolo teatrale. Ma poi ha scritto Betrayal e l'ha inviato a Bakewell per i suoi commenti. La sua prima risposta è stata l'orrore.



Sono rimasta davvero profondamente scioccata perché ha usato la mia vita privata, dice, parlando con me nel salotto al piano di sopra della sua casa di quattro piani a nord di Londra. Era così vicino alla nostra relazione.



Nel 1978, quando Betrayal aprì, sia Pinter che Bakewell erano felicemente sistemati in nuove relazioni ed erano rimasti amici. Ma il dramma ha sconvolto Bakewell perché non le aveva detto che lo stava scrivendo. Gli ha chiesto di cambiare il titolo, che lei sentiva accusatorio, ma lui ha rifiutato. È diventato un successo di critica e commerciale ed è stato successivamente adattato per lo schermo. Bakewell, nel frattempo, ha mantenuto il suo silenzio per quasi mezzo secolo, durante il quale è diventata una venerata conduttrice, scrittrice e una dama dell'Impero britannico. Pinter è morto nel 2008.

Oggi, all'età di 84 anni, Bakewell ha deciso che è il momento giusto per dire la sua. Keeping in Touch, un dramma di 45 minuti che ha scritto negli anni '70 come risposta immediata al lavoro di Pinter, andrà in onda per la prima volta su Radio 4 questa settimana. Parla di una donna sposata con figli che inizia a mettere in discussione la sua vita e guarda come è nata la relazione di Bakewell. La commedia è stata originariamente scritta, dice, per la mia soddisfazione personale in un impeto di intensità ed era quasi un esercizio catartico. Poi lo mise via e se ne dimenticò.



Pinter e Bakewell nella line-up di Late Night nel 1969

È stato solo quando Bakewell stava riordinando i suoi archivi di recente che si è imbattuta di nuovo nel suo spettacolo. Cosa pensa che ne avrebbe fatto Pinter? C'è una pausa. Harold non sarebbe stato molto contento.

Tuttavia, nonostante tutto, ricorda Pinter con grande affetto e si considera dannatamente fortunata ad aver condotto una relazione per la maggior parte di un decennio mentre si godeva anche una vita familiare con il suo primo marito, il produttore televisivo Michael Bakewell.



Non si è mai sentita particolarmente compromessa dalla vicenda. Una volta stavo facendo una serie sui ponti che richiedevano riprese occasionali fuori Londra, dice allegramente. Ho detto a Michael: 'Devo alzarmi presto perché devo andare a Ironbridge'. Sono andato a Heathrow e ho preso un volo per Parigi per passare la giornata con Harold, che stava girando lì. Sono tornato in tempo per cucinare la cena per i bambini.

C'è una nota nota di orgoglio nella sua voce. Quando le chiedo qual è la cosa più avventurosa che abbia mai fatto, Bakewell insiste che è una persona timida, ma riconosce che il viaggio a Parigi è stato piuttosto audace perché doveva essere organizzato.

Avevo una famiglia, dice. I bambini [Harriet e Matthew] vivevano qui. Era una buona famiglia; una famiglia di successo. Ma avevo una relazione con Harold. Immagino che la gente lo trovi molto strano.

Non è strano, dico, anche se potrebbero chiedersi se ti sei mai sentito in colpa per l'inganno.

La regina consegna il premio Help The Aged Living Legend Media a Bakewell nel 2006

No, Bakewell dice con fermezza. Il senso di colpa era qualcosa con cui ho dovuto affrontare abbastanza presto. Ricordo di aver pensato: 'Se vado avanti con questo, non sarò tormentato dal senso di colpa...'

Ho un background morale abbastanza forte che suppongo di aver beffato, ma chi può dire che le persone non dovrebbero avere relazioni? Per quanto riguarda le donne, gli altri uomini non smettono di essere attraenti perché hai trovato quello con cui sei sposato.

Bakewell si è risposata, con il produttore teatrale Jack Emery, ma hanno divorziato nel 2001 dopo 26 anni. Emery aveva 12 anni meno di lei. La differenza di età contava, ma altre cose contavano di più.

Lei è davvero la compagnia più corroborante. Non dovrei essere sorpreso che una donna di 80 anni abbia una visione così moderna, ma lo sono. È in parte perché Bakewell sembra almeno un decennio più giovane della sua età (Pilates due volte alla settimana) e parla con un'eloquenza così stimolante su tutto, da Twitter ai transessuali alla pornografia estrema che a volte dimentico con chi sto parlando, solo per essere cresciuto Insomma, dicendo qualcosa come: Beh, certo, ho vissuto in questa casa per oltre 50 anni.

1975: Joan Bakewell e Jack Emery dopo il loro matrimonio

Bakewell ha sei nipoti (il più giovane ha 17 anni) e fa sempre loro domande sulla loro vita e su come usare il suo laptop: sono buoni amici, davvero.

Si sarebbe mai fatta un tatuaggio, come ha fatto David Dimbleby all'età di 75 anni? Bakewell rabbrividisce. No. Ho pensato che fosse davvero sdolcinato.

Nel suo periodo di massimo splendore, quando ospitava arti di punta e programmi di discussione come Late Night Line-Up e Heart of the Matter, Bakewell era notoriamente definita la focaccina dell'uomo pensante dal suo amico, l'emittente Frank Muir. Da allora ha respinto l'osservazione come sciocca. Bakewell non è stato insultato dall'epiteto di Muir perché, all'epoca, le donne in TV erano circondate dal sessismo. Ricorda di aver chiesto a uno dei suoi superiori alla BBC alla fine degli anni '60 se avesse mai pensato che una donna avrebbe letto le notizie, e lui subito disse di no. Gli uomini con cui ha lavorato l'avrebbero ghignata?

Sì, naturalmente. Era uno stile di vita. Non c'era uomo che non ghignasse, o non ci pensasse. Era il tenore dei tempi, motivo per cui, stranamente, nessuno si preoccupava di Jimmy Savile. Era solo un uomo strano. Ce n'erano molti in giro. L'atmosfera era che non ci fosse nulla di molto offensivo. Essendo una persona piuttosto carina a quei tempi, venivi accarezzata e pizzicata ovunque, e in un certo senso, la cosa era non lasciare che importasse.

È contenta di aver vissuto fino a vedere un secondo primo ministro donna e, nonostante sia una coetanea laburista, descrive Theresa May come una donna capace. Pausa. Penso che le sue gonne siano un po' corte. Per favore, non farne una cosa, aggiunge, lamentosa.

Bakewell è stata una femminista per tutta la vita e ricorda di aver detto a sua madre, quando era bambina di otto anni a Stockport, che avrebbe preferito nascere maschio perché gli uomini andavano per il mondo. Bakewell ha frequentato una scuola di grammatica locale e poi ha vinto una borsa di studio per leggere la storia a Cambridge prima di iniziare la sua carriera televisiva. Cosa pensa delle femministe moderne come Beyoncé?

È lei quella con le cosce grosse? chiede, poi si scusa all'istante. Che cosa terribile da dire su un'altra donna! A Beyoncé dispiacerebbe? Almeno non l'ha chiamata focaccina.

Dreykov

Keeping in Touch è su Radio 4 alle 15:45 di sabato 22 aprile