L'invasione Android ★★

L'invasione Android ★★

Che Film Vedere?
 

Kraals progetta un'invasione androide della Terra in questo fiacco sforzo del creatore di Dalek Terry Nation





Stagione 13 – Storia 83



«Il virus che i nostri androidi utilizzeranno per ripulire la Terra dalla sua popolazione umana è stato dimostrato solo in condizioni di laboratorio. Desidero testarlo su un organismo umano vivente' - Styggron

Trama
Il Dottore e Sarah atterrano vicino a quello che credono sia un villaggio inglese sulla Terra odierna... ma cosa spinge un soldato dell'Unità a suicidarsi, perché tutte le monete sono appena coniate e chi sono le figure in tuta con le pistole in mano? Infatti gli abitanti sono robot e il villaggio è una replica sul pianeta Oseidon, campo di addestramento per un'invasione della Terra da parte dei Kraal. Sarah e il Dottore si uniscono alla punta di diamante di un razzo, pilotato dall'alleato umano dei Kraal, Guy Crayford, che contiene una malattia mortale progettata dal capo scienziato degli alieni, Styggron...

medico affidatario 3

Prime trasmissioni
Parte 1 - Sabato 22 novembre 1975
Parte 2 - Sabato 29 novembre 1975
Parte 3 - Sabato 6 dicembre 1975
Parte 4 - Sabato 13 dicembre 1975



Produzione
Riprese in esterni: agosto 1975 nell'Oxfordshire a East Hagbourne; Tubney legno; Ente nazionale per la protezione radiologica, Harwell; Cava di Worsham, Witney
Registrazione in studio: agosto 1975 in TC3 e TC8

Lancio
Dottor Who: Tom Baker
Sarah Jane Smith-Elisabeth Sladen
Harry Sullivan-Ian Marter
RSM Benton-John Levene
Styggron - L'amico di Martin
Chedaki-Roy Skelton
Guy Crayford-Milton Johns
Colonnello Faraday - Patrick Newall
Caporale Adams: Max Faulkner
Grierson-Dave Carter
Matthews-Hugh Lund
Morgan - Peter Welch
Tessa-Heather Emmanuel
Kraal-Stuart Fell

Equipaggio
Scrittore: Terry Nation
Progettista: Philip Lindley
Musica di scena - Dudley Simpson
Redattore della sceneggiatura: Robert Holmes
Produttore: Philip Hinchcliffe
Direttore: Barry Letts



Recensione RT di Mark Braxton
La stagione 13 è un maestoso portfolio di omaggi di classe, horror ispirato e imprese serie... con un'eccezione da far scoppiare le feste. E chi dovrebbe essere responsabile di questo inconveniente se non il potente Terry Nation!

Nation stava tentando, come diceva lui, 'un tentativo di fare qualcosa di completamente diverso... tenendo i Dalek fuori da tutto questo'. Il problema è che The Android Invasion è semplicemente un'insalata fiacca di vecchi ingredienti familiari da precedenti scappatelle di sterminio: un mondo morente, un piano apocalittico, una piaga appositamente progettata e così via.

Intravista come una trama, questa avventura di Oseidon offre grandi speranze: mistero del villaggio in stile Wyndham, Unità, doppelganger, canto del cigno alla regia di Barry Letts, nuovi alieni disegnati dal talismanico John Friedlander. Ma presto diventa tristemente evidente che quasi tutti questi componenti ci deluderanno...

MISTERO ASSASSINATO
È un fiasco prima ancora che la storia abbia inizio. Il 'classico' Doctor Who non è sempre stato intelligente con i titoli delle sue storie, ma The Android Invasion è uno spoiler titanico. Sotto uno sguardo più attento, il comportamento bizzarro, il villaggio identikit e i calendari con un solo appuntamento avrebbero potuto stuzzicare e stimolare. Così com'è, noi Sapere che l'uomo a scatti che scappa da un dirupo e i pubblicani con la faccia inespressiva sono androidi, e che qualcuno o qualcosa li ha quindi programmati.

Per quanto riguarda il nocciolo della storia, il piano generale stesso, sciocchezze! Se la peste prodotta dai Kraal 'pulirà la Terra', perché preoccuparsi degli androidi o addirittura di un'invasione?

LA VERGOGNA DELL'ESERCITO
All'inizio degli anni '70, Unit era parte integrante del successo dello spettacolo ma qui, guidati dal pomposo colonnello Faraday, in sostituzione del brigadiere assente, le truppe funzionano solo come corridori e tiratori. È l'ultima volta che vedremo l'affidabile RSM Benton e il sale della terra Harry Sullivan, ma non lo sapresti. John Levene e Ian Marter sono chiamati a interpretare i robot per la maggior parte del tempo; quando i loro alter ego in carne e ossa compaiono, non hanno nulla di importante da comunicare.

Marter fa del suo meglio con i magri scarti che ha gettato. Soave nelle vesti navali, sarebbe stato un grande James Bond. A soli 42 anni fu accolto da Dio tragicamente presto, e i miei ricordi dell'uomo vecchio stile e fuori dal tempo di Doctor Who saranno sempre teneri.

DOPPIO PROBLEMA
Uno degli aspetti più riusciti della produzione è il divertimento occasionale di non sapere chi è reale e chi è un robot. Si tratta di una dualità con cui, secondo quanto riferito, il produttore Philip Hinchcliffe desiderava giocare. Ma la recitazione rigida mette a tacere ogni tensione, e il problema degli androidi che 'perdono la faccia' dopo una leggera caduta li rende un po' rischiosi come forza d'invasione.

BARRY Esce
Barry Letts era un servitore così devoto e un'autorità su Doctor Who che deve esserci una ragione per cui si comporta come regista qui. La storia vanta filmati di location generosi, ma in gran parte sono ridicolmente inetti: Sarah che pende da quella che penso dovrebbe essere una scogliera ma sembra una leggera pendenza, Sarah che cade e si fa male alla caviglia (per favore, no!), scene interminabili di androidi raccolti e depositati, ecc.

È una storia che, che Dio lo benedica, non porta da nessuna parte e costruisce verso il nulla. Il dialogo è insolitamente sciatto, e la maggior parte è affidata al cattivo capo Styggron: scegli tra 'Stai cantando una canzone diversa adesso, Crayford'; 'Ho altri progetti per il Dottore'; o il dizionario dei sinonimi 'La resistenza è sconsigliabile'.

ADORARE L'ALIENO?
Gli stessi Kraal rappresentano un punto culminante, ma solo nel senso di punto elevato dell'Anglia orientale. Lo stesso Friedlander non ci delude nel suo ultimo concerto per lo spettacolo: la maschera di Kraal è opportunamente brutta, con la sua truculenta mascella di Giles-Granny. Ma un volto del genere richiede una voce profonda, porcina e gutturale. Ricordi cosa hanno fatto gli ingegneri del suono per i Siluriani e gli Zygon?

Così com'è, Martin Friend e Roy Skelton, senza alcun aiuto radiofonico, sembrano semplicemente di cattivo umore. Affrettati e paranoici, i Kraal sono anni luce dai temibili maiali che il loro piano genocida suggerirebbe che siano.

Anche il casting fa alzare le sopracciglia. Milton Johns sarà scelto perfettamente per il ruolo del piagnucoloso Kelner in L'invasione del tempo del 1978, ma qui, in camicia di jeans e pantaloni a zampa d'elefante, con l'aria di chi è appena arrivato da un'audizione alla Play School, non è l'idea che nessuno ha di un astronauta. Anche uno con un desiderio di morte scarsamente documentato per la sua stessa specie.

Ciò dimostra che anche i grandi hanno una giornata no. E questo 'Stygg of the Dump' mal concepito era una bellezza!


Archivio Radio Times

[Disponibile sul DVD della BBC]